Progettazione lungimirante per il turismo in crescita

Il caso dell’isola turistica di Usedom dimostra quanto sostenibile e lungimirante possa rivelarsi la decisione di optare per un sistema fognario studiato. Già 18 anni fa il consorzio responsabile aveva capito che la struttura dell’isola associata al crescente flusso turistico avrebbe ben presto comportato delle sfide notevoli per il sistema fognario.Usedom, al largo della baia della Pomerania nel mar Baltico meridionale, è con i suoi 445 km² la seconda isola più grande della Germania. Con le sue oltre 1900 ore di sole in media all’anno, Usedom è il luogo più soleggiato della Germania e per questo motivo attrae sempre più turisti anno dopo anno.

Soluzioni individuali per sfide stagionali

Secondo i registri del consorzio per l’alimentazione idrica e lo smaltimento delle acque cariche, il numero di abitanti presenti sull’isola è triplicato nei mesi estivi con la conseguente produzione del 70 % in più di acque cariche. Per i responsabili dell’isola, ogni misura infrastrutturale pianificata deve quindi prendere in considerazione anche le specifiche esigenze stagionali. La quantità di acque cariche è inoltre strettamente legata alle abitudini degli abitanti e dei turisti. Tanto il sistema fognario quanto le stazioni di pompaggio devono quindi essere progettate per far fronte alle quantità massime di acque cariche in crescita e alle parimenti incrementate quantità di sostanze solide. In collaborazione con Wilo come partner di sistema è stata scelta una soluzione su misura del fabbisogno evidenziato, che punta sul drenaggio in pressione. Il complesso sistema fognario è costituito dalla parte tedesca da 13 pozzi con stazione di pompaggio Wilo, con un sistema sicuro di separazione delle sostanze solide. Tutti i pozzi con stazione di pompaggio devono essere progettati e costruiti in base alle quantità di afflusso previste e la quantità di alimentazione registrata.

Manfred Schultz del consorzio per le acque e le acque cariche dell’isola di Usedom: “Wilo - la scelta perfetta per noi”.

18 anni senza problemi – una posizione convincente

Il complesso di strutture garantisce l’affidabile trasporto delle acque cariche: è questo il risultato della minuziosa progettazione dell'impianto che ha coinvolto anche misurazioni a lungo termine presso diversi punti di raccolta. In questo modo il consorzio ha ottenuto i valori di riferimento per il calcolo delle necessarie capacità dell’impianto, come il fabbisogno idrico medio pro capite e le relative quantità di alimentazione. “Scegliendo Wilo abbiamo consapevolmente puntato su un partner famoso per i sistemi sicuri di separazione delle sostanze solide. Era per noi fondamentale scegliere qualcuno che progettasse personalmente gli impianti in base alla propria vasta esperienza in tema di acque cariche, adattandoli specificatamente alle strutture di cui disponiamo sull’isola. Nella pratica il tutto ha funzionato secondo le nostre aspettative. Oggi possiamo dire che il sistema di separazione delle sostanze solide a Usedom funziona senza problemi da 18 anni. Questo per noi si traduce in un grande vantaggio economico e rende la progettazione altamente sicura”, dichiara Manfred Schultz, del consorzio per le acque e le acque cariche dell’isola di Usedom.

Fatti e cifre
Progetto Abwassersystem auf Usedom
Insel Usedom
Deutschland
Completamento 2014
Committente Zweckverband Wasser/Abwasser
Zum Achterwasser 6
Ückeritz
Prodotti installati Wilo-EMUport CORE

Wilo-Produkte

Wilo-EMUport CORE