Cos’è l’indice di protezione IP?

Torna alla panoramica

10.11.2021

Tutti i dispositivi elettrici riportano un codice che inizia per IP. Di cosa si tratta? È l’indice di protezione, che bisogna verificare per garantire all’apparecchio un funzionamento ottimale e duraturo.

La sigla IP corrisponde a International Protection e fu introdotta per la prima volta nel 1976. Attualmente si segue lo standard indicato dalla norma europea CEI EN 60529 (ex CEI 70-1), che definisce l’indice di protezione per gli involucri di apparecchiature elettriche. Grazie al codice IP viene indicato il livello di protezione degli involucri delle macchine contro l’accesso a parti pericolose e la penetrazione di corpi solidi estranei e all’impermeabilità del dispositivo. È giusto precisare che la norma non tiene in considerazione la protezione dai rischi d’esplosione o da situazioni ambientali come l’umidità, i vapori corrosivi, le muffe o gli insetti. In ogni caso, il grado di protezione IP dichiarato deve essere garantito nella condizione ordinaria di funzionamento degli apparecchi. Il grado IP è indicato obbligatoriamente con due cifre caratteristiche, più l’eventuale lettera addizionale e supplementare. Per leggerlo e comprenderlo basta conoscere a cosa si riferiscono i vari elementi che lo compongono:

  • la prima cifra indica la protezione delle persone contro il contatto con parti pericolose e la protezione contro l'ingresso di corpi solidi;
  • la seconda cifra determina la protezione dei materiali contro l'ingresso dannoso dell'acqua;
  • la lettera addizionale specifica il grado di protezione contro l’accesso a parti pericolose;
  • la lettera supplementare fornisce informazioni relative alla protezione del materiale in determinate condizioni.

Di seguito i vari gradi di protezione per ogni elemento della sigla. La prima cifra va da 0 a 6:

  • 0 nessuna protezione;
  • 1 protetto contro corpi solidi superiori a 50 mm di diametro;
  • 2 protetto contro corpi solidi superiori a 12 mm di diametro;
  • 3 protetto contro corpi solidi superiori a 2,5 mm di diametro;
  • 4 protetto contro corpi solidi superiori a 1 mm di diametro;
  • 5 protetto contro le polveri (nessun deposito nocivo);
  • 6 totalmente protetto contro le polveri.

La seconda cifra va da 0 a 8:

  • 0 nessuna protezione;
  • 1 protetto contro le cadute verticali di gocce d’acqua;
  • 2 protetto contro le cadute di gocce d’acqua o pioggia fino a 15° dalla verticale;
  • 3 protetto contro le cadute di gocce d’acqua o pioggia fino a 60° dalla verticale;
  • 4 protetto contro gli spruzzi d’acqua da tutte le direzioni;
  • 5 protetto contro i getti d’acqua;
  • 6 protetto contro i getti d’acqua potenti;
  • 7 protetto contro gli effetti delle immersioni temporanee;
  • 8 protetto contro gli effetti delle immersioni continue.

La lettera aggiuntiva va dalla A alla D:

  • A protetto contro l’accesso con la mano;
  • B protetto contro l’accesso con il dito;
  • C protetto contro l’accesso con l’attrezzo;
  • D protetto contro l’accesso con il filo.

La lettera supplementare va dalla H alla W:

  • H adatto per apparecchiatura ad alta tensione;
  • M provato contro gli effetti dannosi dovuti all’ingresso d’acqua quando le parti mobili dell’apparecchiatura sono in moto;
  • S provato contro gli effetti dannosi dovuti all’ingresso d’acqua quando le parti mobili dell’apparecchiatura non sono in moto;
  • W adatto all’uso in condizioni atmosferiche specificate e dotato di misure o procedimenti addizionali.

Anche i nostri circolatori e le nostre pompe riportano questo codice, ed è molto importante tenerlo in considerazione al momento dell’installazione. Il grado di protezione IP può essere utile nella scelta della pompa più adatta alle necessità dell’impianto, perché è una caratteristica che ci permette di comprendere come e dove installarla. Potete trovare l’indice di protezione nelle etichette di tutti i nostri prodotti, nel catalogo e nelle specifiche tecniche del motore. Ad esempio le pompe serie Wilo-Rexa hanno indice IP68, che indica la resistenza dell’involucro alle polveri resistenti e alle immersioni continue, infatti si tratta di pompe sommergibili che sono installate in vasche per il trattamento delle acque reflue.

L’indice di protezione IP ha un ruolo fondamentale nella scelta del prodotto da installare, controllalo sempre!